ZONA DI COMFORT? SFIDIAMOLA IN OGNI ALLENAMENTO!

esci dalla tua comfort zone

Scritto Da Luca Cappello

28 Giugno 2021

Naturalmente è stata dura, a un certo punto stavo quasi per perdermi d’animo. Ma in questo sport la fatica è data per scontata. Se non fosse parte integrante del triathlon o della maratona, chi mai si darebbe la pena di mettersi alla prova in discipline che succhiano le nostre energie e il nostro tempo? Proprio nello sforzo enorme e coraggioso di vincere la fatica riusciamo a provare, almeno per un instante, la sensazione autentica di vivere.”

Murakami Haruki – L’arte di correre

La vita è fatta di scelte. Se decidiamo di fare sport, qualsiasi sport, a qualsiasi livello, a prescindere dal nostro livello o stato di forma, la fatica fa parte del gioco. Anzi, lo sport, quello vero, è sinonimo di fatica.

Per questo motivo, dobbiamo imparare a vedere la fatica come “parte del gioco”, solo così riusciremo a svoltare e farle assumere il valore e il significato che merita.

Non c’è traguardo o successo senza fatica.

Sentire il corpo e i muscoli in movimento, sentire il nostro cuore che scalpita, il nostro respiro affannoso, il sudore che scivola sul corpo, sentire sete, caldo, fame freddo, sono tutte sensazioni che ci ricorderanno di essere vivi. Raggiungere il traguardo godendosi a pieno il viaggio, consapevoli di avere dato tutto, ha ancora più gusto!

Per progredire è necessario uscire dalla nostra zona di comfort.

>>>>> SCARICA L’EBOOK GRATUITO – DA ZERO A TRI – E SCOPRI PERCHÈ IL TRIATHLON È EMOZIONE <<<<<

La zona di comfort è quella dimensione interiore nella quale ci sentiamo pienamente a nostro agio. In quella dimensione lo stress e l’ansia praticamente non esistono. Per questo motivo riusciamo ad agire senza patemi, tranquilli e disinvolti.

Per un atleta conoscere qual è l’intensità d’allenamento in cui si rimane nella zona di comfort è fondamentale. Questa consapevolezza però va usata con metodo e criterio. Riconoscere il nostro livello tecnico e fisico ed etichettarlo come consolidato, sapere quali sono i nostri punti di forza e le nostre capacità, ci permette di muoverci in una dimensione psicologicamente affidabile e sicura.

Questo stato però deve essere un punto di partenza, non di arrivo. Dobbiamo essere consapevoli che navigare sempre in acque sicure, non ci fa evolvere, non ci fa crescere, non ci fa migliorare.

E’ necessario alzare il ritmo, far aumentare i battiti, affrontare nuove sfide e puntare a nuovi traguardi.

Finché rimarremo “comodi”, le nostre prestazioni non miglioreranno e non ci sarà crescita. Per evolvere è necessario e inevitabile, almeno inizialmente, provare disagio, soffrire, fare fatica. Solo così il nostro livello potrà aumentare.

“Quando senti che i muscoli bruciano, spingi di più, quello è il segnale! Solo così riuscirai a migliorare!”

Quello che per noi oggi è difficile, domani non lo sarà più.

Se sfidiamo i nostri limiti, un passo alla volta, riusciremo a superarli.

****

Il blog “sempre di corsa” e “Triathlon per tutti” sono un progetto ASD 200bpm Gorgonzola, la cui mission è diffondere il triathlon in Martesana e nel mondo!

In #Triathlonpertutti parliamo di triathlon e di tutto quello che serve per diventare un triatleta.

Seguici! Ogni settimana notizie e approfondimenti sul mondo della triplice, sull’allenamento, sul mindset, sull’alimentazione. Tutto quello che serve per affrontare la tua gara, anche, e soprattutto, se fosse la tua prima!   

Se vuoi portare a termine il tuo primo triathlon o vuoi migliorare le tue prestazioni, triathlon per tutti è quello che fa per te!

Inizia il tuo per-corso oggi, scarica a questo link la nostra guida gratuita, DaZEROaTRI, e scopri perché il triathlon è emozione ==> https://www.200bpm.it/triathlonpertutti/

Potrebbe anche interessarti..

L’IMPORTANZA DEL PESO FORMA

L’IMPORTANZA DEL PESO FORMA

“Il giusto peso è alla base di una buona prestazione sportiva, anzi, per l’amatore, conta di più il controllo del peso...